Chimica 3D

Chimica 3D

Chi stampa in 3D, si sa, in breve tempo diventa esperto di temperature, tarature, motori, schede, materiali e quant’altro. Dai primi successi alle prime soddisfazioni il passo è breve, e dopo qualche mese ci si trova a lavorare conoscendo bene la propria stampante e i propri materiali. Quello che si trascura, spesso, è la teoria che sta dietro a tutto questo. Quindi, parliamo di Chimica 3D!

Qui, invece, parliamo di teoria! Cos’è un polimero? Cos’è un materiale amorfo? Come si comportano? Quali sono le sue caratteristiche? Tutto questo dovrebbe essere più chiaro una volta letti questi articoli, sempre che abbiate il coraggio di continuare, ovvio!

Si, ma perché dovrei???

Perché informarsi sulla teoria? Beh, per cultura personale ma non solo! Se si conosce la teoria che sta dietro ai fenomeni che osserviamo ogni giorno, si è in grado di interpretarli, prevederli, e magari, nel nostro caso, imparare qualcosa da una stampa fallita o salvarne una prima ancora di cominciare. Questo dovrebbe bastare anche al lettore più pratico e disinteressato al fascino della scienza.

Dunque, di cosa si parla?

In questa breve serie di articoli (ancora work in progress) parleremo di:

  • Cosa sono i materiali amorfi?
  • Cosa sono i polimeri?
  • Qualcosa di più sul PLA
  • Uno sguardo ai solventi
  • Materiali compositi
  • Chimica fisica dei disastri!

Tutto quello che scriverò deriva dalla mia diretta esperienza di chimico fisico, e dalle lunghe ore di studio sui libri (e nel laboratorio in garage). Spero che sarà tutto chiaro e completo; nel caso abbiate domande, sarò ben felice di rispondervi e di approfondire per quanto possibile qualsiasi dubbio o curiosità.

Che altro dire? Buona lettura!